CLOSE

This website uses cookies. By closing this banner or browsing the website, you agree to our use of cookies. CLOSE

Scroll Down

03|04|2017

FUORI IN 90 SECONDI

Charles Darwin disse: “Il maggior traguardo che la cultura morale possa raggiungere è riconoscere la necessità di dominare i nostri pensieri”.

Mentre scrivo, i pensieri affollano la mia mente e oggi si tratta di pensieri un po’ ombrosi a dire il vero ma visto che l’ombra può essere piacevole, ho deciso di mettere di sottofondo una bella musica rilassante e farli diventare pensieri che accompagnano invece di dominare e togliere energia. Prendo la loro energia e li trasformo in qualcosa di diverso.

Una volta ho sentito il detto “E’ solo un pensiero, non può farti alcun male”.

Vero ma ogni tanto li facciamo diventare martellanti, un cuneo ficcato nel centro della testa e ci mettiamo anche tanto impegno nel tenerli vivi: musica triste, colori spenti, buio della casa, silenzio e solitudine. Chi non ha mai ascoltato canzoni tristissime o visto film strappa lacrime quando stava già male? Chi non si è chiuso in casa quando sapeva benissimo che anche solo l’aria fresca lo avrebbe fatto stare meglio?

Allora ti domando:  se fosse possibile cambiare umore istantaneamente, ti interesserebbe? Se fosse possibile far diventare quei pensieri qualcosa di diverso, ti interesserebbe? Se fosse possibile per te scegliere ogni singolo giorno, ogni singolo minuto cosa pensare e quindi cosa provare, ti interesserebbe?

Bene, lo puoi fare! Anzi lo sai già fare! il punto è utilizzare quello che già fai inconsciamente per stare male, per stare invece bene.

Pensa ai bambini, spesso cambiano umore velocemente: un minuto prima piangono, quello dopo tornano a sorridere per qualcosa. Come fanno a farlo? Semplicemente lasciano entrare nella loro mente ciò che li fa star bene, un sorriso, un abbraccio, la visione di un giocattolo, una nuvola su nel cielo, una mosca sul vetro della finestra. Non stanno a muso basso a rimuginare su quanto successo, guardano in alto e in avanti; lasciano che il bello –che li circonda e li fa star bene- entri nei loro pensieri e li illumini, perché non pensano che “bisogna stare male” o che “per far passare certe cose ci vuole tempo e dolore” come se stare bene e reagire, sminuisse il passato e le emozioni che sono state.

 

La questione non è quella di scervellarsi a capire da dove arrivano certi pensieri – anche perché in realtà il più delle volte lo sappiamo benissimo- quanto piuttosto come li interpretiamo e cose ce ne facciamo.

Ricorda che il cervello è in grado di focalizzarsi su una sola cosa per volta, focalizzando quindi la mente su pensieri positivi, che soppiantano o trasformano quelli negativi, il nostro stato d’animo migliora.

I pensieri negativi si auto-generano e si moltiplicano spontaneamente (è fisiologia ormonale del nostro corpo e non necessariamente una patologia depressiva) mentre i pensieri positivi si comportano in modo diverso e hanno minori capacità di auto-generarsi ma lì entri in gioco tu e la tua scelta su cosa focalizzare la tua mente e la tua scelta sul come vuoi stare. Lo sapevi che la componente chimica "incontrollabile" di un'emozione dura solo 90 secondi? Dopo quei 90 secondi sei tu che decidi.

Ogni giorno, ogni volta che un pensiero che non ti far star bene, sei libero di trasformarlo in qualcosa di più utile.

Hai mille armi già pronte e facili da utilizzare in ogni momento: musica dolce nelle orecchie o sparata a massimo volume in auto o a casa, ballare in mutande, alzare le braccia in alto verso il cielo, guardare il cielo, saltare, correre, metterti una foto buffa nel telefonino o sul PC, ridere anche se non c’è nulla di ridere, fare una telefonata, respirare.

Facile? Si nessuno ha mai detto che debba essere difficile e se te lo hanno detto, hanno semplicemente sbagliato. Punto!

 

ARTICOLI CORRELATI

21|01|2017

PAROLE E GENITORI

30|06|2016

ABRACADABRA

29|06|2016

QUANTO PIACERE RIESCI A SOPPORTARE?

Logo Giovanna Carucci